Offerta libera / Free offer

Aiuta De’, vera lus et Garçat” (Rex Glorioso)

L’Alba era un genere poetico molto diffuso nei secoli XII e XIII, nel quale due amanti, dopo una notte d’amore, si struggono per l’arrivo dell’alba, momento in cui devono separarsi in fretta se non vogliono essere scoperti dal “gilos”, il di lei marito. Bisogna ricordare che in passato i matrimoni non avvenivano per amore e, secondo le leggi dell’Amor Cortese, era normale che una donna avesse un solo amante, scelto per vero e sincero amore, oltre al marito. Spesso in questi componimenti i versi erano cantati da una quarta figura, chiamata “sentinella”. Essa poteva essere maschio o femmina ed aveva il compito di sorvegliare i due amanti e destarli lestamente in caso di problemi o al sorgere del Sole. L’Alba più celebre a noi giunta completa di musica è quella di Giraut de Borneill, trovatore nato in Aquitania e chiamato dai suoi contemporanei “maestro dei trovatori”. I confini geografici nel XII e XIII secolo erano molto diversi da oggi e dalla Provenza questo motivo musicale e poetico di successo giunse anche nel nord Italia. “Aiuta De’” è la traduzione del testo occitano “Rei glorios” di Giraut in un volgare piemontese, scritta nel XIII secolo, prima del 1240, e conservata nel manoscritto E 15 sup. della Biblioteca Ambrosiana di Milano. Databile intorno al 1240, questo documento è una testimonianza del fatto che questo brano era ben conosciuto nel nord Italia. La versione di Murmur Mori unisce il testo italiano alla versione con musica di Giraut de Borneill contenuta nel ms. Français 22543 della Biblioteca nazionale di Francia. Nel testo italiano purtroppo l’ultima strofa risulta illeggibile, l’ensemble ha voluto colmare questa lacuna con il canto di un uccelletto mattutino.

Il download include un libretto digitale con fotografie, informazioni ed il testo in Inglese ed Italiano.

Murmur Mori © Edizioni Stramonium – 2022

Dançando la fressca Rosa

I Memoriali Bolognesi furono scritti da notai e contengono ballate e
rime che rappresentano tra le più antiche testimonianze di poesia in
volgare, come quelle contenute nel manoscritto Vaticano Latino 3793. La
maggior parte di queste poesie furono scritte per essere cantate e
suonate ed infatti, anche se sono arrivate a noi senza notazione
musicale nei manoscritti, hanno spesso indicazioni testuali che
attestano la loro forma musicale. Abbiamo musicato queste liriche
utilizzando riproduzioni di strumenti medievali, fondendo l’eredità
della musica popolare italiana assieme alle fonti manoscritte della
musica secolare del Medioevo, per riscoprirne il suono e la musicalità
ed evitare che rimangano confinate in studi letterari. La musica qui
presentata si concentra sulla poesia giullaresca dei secoli XIII e XIV e
sulla forma musicale della ballata. Canzoni d’amore, di satira e per
danzare.

Il libretto di 16 pagine contiene un’introduzione del prof. Tito Saffioti.

Sul nostro canale YouTube è disponibile un documentario sulla
realizzazione di “Dançando la fressca Rosa” all’interno del castello
Visconteo di Vogogna.

Murmur Mori © Edizioni Stramonium – 2022

11 € + shipping

Concerto a Montorfano

Poesie di giullari messe in musica, canti ispirati dalla Natura, testi del XIII secolo e del Codex Buranus. Un disco dal vivo registrato all’interno della chiesa medievale di San Giovanni in Montorfano (VB).

L’intero video si può vedere dal nostro canale YouTube.

L’acquisto include un booklet in Italiano/Inglese con foto, testi delle canzoni e informazioni dettagliate.

Murmur Mori © Edizioni Stramonium – 2021

11 € + shipping

La collezione “COMPENDIUM” è scontata del 20% (4 album: 20€). Se avete già i nostri album, ma volete supportare il progetto Murmur Mori, potete fare una donazione libera a questo link Paypal: SUPPORT!

“COMPENDIUM” collection is on sale at -20% (4 album: 20€). If you have already purchased our albums, but would like to support the Murmur Mori project, you can make a free donation at this Paypal link: SUPPORT!











Every record comes in a handmade package stamped with a red wax.